‘QUELLI CHE…’ – Caicedo: “La Lazio ed i suoi tifosi la più bella storia della mia vita. Senza Covid sarebbe stato scudetto!” (AUDIO)

L’ex attaccante della Lazio, FELIPE CAICEDO, in collegamento esclusivo a Radiosei, nella trasmissione ‘Quelli che…‘: “Risentire le mie reti nella Lazio ed a questa grande avventura mi vengono i brividi. Momenti bellissimi, ricordi straordinari che resteranno sempre nel mio cuore. Il gol a tempo scaduto che mi è rimato più nel cuore? Tutti emozionanti, ma quello in cui ho più goduto è quello al 98′ con il Cagliari. Significava tanto per me e per la squadra che stava inanellando una serie di vittorie incredibile che ci hanno proiettato in cima al campionato con la Juventus. Mi piace stare vicino al tifosi tramite i social, mi piace rispondere alle dimostrazioni di affetto, deve esserci anche per rispetto. E’ il minimo che si meritano, mi hanno dato una spinta in più. La zona Cesarini la conoscevo, mi sono informato e sono felice di averla superata. Io amato come Immobile? So che c’è tanto affetto nei miei confronti, me l’hanno sempre dimostrato, piano piano mi renderò conto della portata delle emozioni. La Lazio è stata mia storia più importante, sentire l’amore dei tifosi è una roba non spiegabile. Essere all’altezza di Ciro è una vittoria importante, lui ha fatto la storia vera della Lazio. La canzone di Coez riadattata per me? Piano piano l’ho conosciuta, è rimasta la mia canzone ufficiale (ride, ndr). Mia moglie, la mia famiglia sono a casa a Roma. E’ la nostra seconda casa, anche lei sui social ringrazia tutti i tifosi. Siamo felici di questo. Senza la pandemia sarebbe stato scudetto? Non secondo me, secondo tutti. Il Covic ci ha colpito nel nostro miglior momento. Eravamo affamati, in fiducia, nessuno c’ha creduto più di noi. Poi è successo quello, ma senza pandemia avremmo vinto lo scudetto”. In chiusura: “Volevo ringraziare tutti i tifosi per l’affetto, vi ringrazio di cuore e vi saluto in modo sentito. Amami o faccio un Caicedo per sempre!”

Leggi le altre news sulla Lazio