Squalifica Sarri, si prepara il ricorso: il tecnico convinto di essere stato mal interpretato

Alla fine è arrivata la stangata per Maurizio Sarri, fermato per due turni dal giudice sportivo per avere “assunto un atteggiamento intimidatorio” e per aver pronunciato frasi blasfeme nel match di San Siro contro il Milan. La Lazio è però decisa a far valere le ragioni del suo tecnico, convinto che sia stata male interpretata una sua imprecazione. I biancocelesti attenderanno di ricevere gli atti, dopodiché avranno sette giorni di tempo per presentare ricorso: spuntarla – scrive oggi il Corriere dello Sport – non sarà per nulla semplice. Tuttomercatoweb.com

Leggi le altre news sulla Lazio