Vertenza Petkovic-Lazio: il 13 ottobre si decide la competenza territoriale

Vertenza Petkovic-Lazio: il 13 ottobre si decide la competenza territoriale
Roma, 25 settembre 2014 – Si avvicina il primo round legale che vedrà di fronte Vladimir Petkovic e la S.S.Lazio. L'ex tecnico, assistito dall'avvocato Paco D'Onofrio, lo scorso 26 maggio ha impugnato il licenziamento per “giusta causa”, notificatogli lo scorso 4 gennaio con questo comunicato: “La S.S.Lazio s.p.a. comunica di avere risolto per giusta causa il contratto di lavoro sportivo con i sigg.ri Vladimir Petkovic, Antonio Manicone e Paolo Rongoni, a conclusione di un procedimento disciplinare promosso con regolare contestazione di addebiti e giustificazioni presentate dagli interessati. I fatti accaduti hanno determinato la cessazione del vincolo fiduciario che costituisce elemento essenziale del rapporto di lavoro. La società comunica di avere incaricato della conduzione della squadra il sig. Edoardo Reja, il quale si avvarrà della collaborazione dei sigg. Alberto Bollini e Adriano Bianchini”. Il ricorso è stato notificato ad inizio settembre al Tribunale di Roma (giudice del Lavoro, Francesca Miglio): per i legali dell'allenatore della selezione elvetica infatti il foro competente è quello di Roma, sul contratto infatti ci sarebbe scritto “firmato in Roma il...”. La Lazio ha invece depositato l'atto di costituzione in giudizio lo scorso 15 settembre, sostenendo nella propria memoria come il foro dovrebbe essere Tivoli, competente per Formello, luogo della sede legale biancoceleste. La prima udienza è stata fissata per il prossimo 13 ottobre, quando la giudice Miglio stabilirà la competenza territoriale, due le possibilità: se sarà Roma verrà subito fissata un'udienza per ascoltare i testimoni; in caso contrario gli atti saranno trasmessi al Tribunale di Tivoli che fisserà la prima udienza tra le parti. Gianluca La Penna, Radiosei

Comment Via Facebook



You must enter your Facebook application ID to display XFBML content.