Live Radio

Bomba carta contro sede Irriducibili, si indaga per terrorismo. Ipotesi vendetta ultras di Roma e Atalanta

CITTA'

Bomba carta contro sede Irriducibili, si indaga per terrorismo. Ipotesi vendetta ultras di Roma e Atalanta

a Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine contro ignoti in relazione alla bomba carta esplosa lunedì scorso nella notte davanti alla saracinesca della sede degli Irriducibili della Lazio in via Amulio.

Il reato ipotizzato è atto di terrorismo con esplosivo. Titolare dell'indagine, aperta dopo l'arrivo a piazzale Clodio dell'informativa della Digos, è il pm Eugenio Albamonte. Sul posto, il giorno dell'attentato, erano intervenuti gli agenti del commissariato Appio, che hanno subito acquisito i filmati delle telecamere di videosorveglianza. 

Le telecamere di videosorveglianza potrebbero dare un volto a chi ha messo a segno "l'attentato". Gli agenti del commissariato Appio hanno acquisito i filmati, già al vaglio della Digos. Nella mente degli inquirenti si fa spazio l'idea che la vicenda sia collegata a diverbi di natura politica. 

Nulla a che fare dunque con le dinamiche inerenti la partita tra Lazio e Atalanta, vinta dai bergamaschi all'Olimpico qualche ora prima dell'esplosione. Potrebbe trattarsi di una risposta a quanto successo il 24 aprile a Milano quando alcuni ultras biancocelesti avevano esposto a piazzale Loreto uno striscione che inneggiava a Benito Mussolini.  

A Roma si indaga invece negli ambienti ultras più vicini alla sinistra. Un'ipotesi in linea con quanto affermato da 'Diabolik' Fabrizio Piscitelli, che aveva ventilato un "movente politico". Come non è escluso che, a colpire, siano stati proprio ultras della Roma e dell'Atalanta, rivali, anche sul lato politico, dei laziali. 

Nel frattempo domani, sabato 11 maggio, gli Irriducibili hanno dato appuntamento alle 15, a tutti i tifosi biancocelesti, in via Salaria 200, al fianco di Flavio e Francesco, due gemelli di 13 anni affetti da una rara malattia neurodegenerativa, "per inaugurare un museo dedicato ai primi calciatori di questa città".

A seguire, annunciano "raggiungeremo i locali di via Amulio 41, colpiti da un vile attentato, e offriremo a tutto il quartiere bombe e cornetti alla crema con un orecchio rivolto alla radio ascolteremo la nostra beneamata impegnata a Cagliari. E' questa - spiegano gli Irriducibili - la nostra migliore risposta a chi pensa di spaventarci, le bombe non ci fermano, la repressione non ci piega". Il tutto a pochi giorni dalla finale di Coppa Italia tra Atalanta e Lazio. romatoday

Tempo di esecuzione: 0.090636014938354
Controller: Articoli
ID Pagina: 9275
Elemento caricato: Articolo #9275
Moduli: ORM, Mobile, Db, Router, Meta, CookieLaw, DefaultView
Template: articoli
Loading ID: 83da6de57965c58d
View: DefaultView
Numero di query eseguite: 25
Numero di query preparate: 0
Lista tabelle interrogate:
/var/www/radiosei.it/public_html/func.php:124:
array (size=8)
  'articoli' => int 1
  'main_settings' => int 2
  'pagine' => int 2
  'spazi_pubblicitari' => int 5
  'pubblicita' => int 5
  'pubblicita_impressions' => int 4
  'categorie' => int 1
  'podcast' => int 1