Live Radio

Inzaghi, il futuro passa dalla finale: "Abbiamo l'obbligo di vincere a Cagliari, poi ci giochiamo tanto con l'Atalanta" (AUDIO)

FORMELLO

CONFERENZA LIVE - Inzaghi presenta la sfida con il Cagliari:

"In questo momento la classifica dice che siamo ottavi e che saremmo fuori dall'Europa ma è una cosa che non vogliamo pensare. Sappiamo che a Cagliari abbiamo l'obbligo di fare una grande partita, mancano tre gare alla fine del campionato"

Le scelte in funzione della Coppa?

Ho provato diverse soluzioni, ho qualcosa in testa, poi come spesso accade la giornata della gara si fanno dei cambiamenti. Devo pensare al Cagliari, è un campo difficile, abbiamo l'obbligo di tenere viva la possibilità di andare in Europa tramite il campionato. La squadra sarà affidabile.

Vede una reazione della squadra?

Ci stiamo leccando le ferite, che sono aperte, perché abbiamo perso una partita importantissima, uno scontro diretto, gli episodi non sono andati dalla parte nostra. In questi giorni abbiamo lavorato tanto e bene, sono fiducioso.

Strakosha e Milinkovic?

Strakosha non ci sarà, ha un problema al tendine. Giocherà Proto, è molto affidabile e un professionista vero. Pensava di trovare più spazio, si è sempre comportato bene. Al primo posto ha messo sempre la sqadra. Milinkovic ha provato con la squadra, sentiva ancora dolore, non sarà convocato. Il provino di stamattina non è andato bene.

Turnover?

Sto facendo valutazioni, ora dicono Cagliari, questa gara è importante. Il nostro obbligo è pensare all'Atalanta da sabato sera. Il nostro obiettivo dichiarato è restare in Europa, dobbiamo provarci anche tramite il campionato.

I rumors sul futuro le danno fastidio?

TUtti sanno del mio attaccamento per questa maglia. Abbiamo la fortuna di giocarci ancora tanto il 15 maggio, non è una cosa scontata. Non ho tempo di pensare ad altro, penso solo alle partite e al lavoro da fare. Voglio concludere con il mio staff la stagione nel migliore dei modi.

L'Inghilterra sta dominando il calcio in Europa?

Un dato di fatto, hanno 4 squadre nelle due finali. Un dominio quest'anno, è un calcio molto intenso, hanno allenatori europei, grandi budget e rosters a disposizioni. Alle spalle proprietà e stadi. Ma anche nel nostro calcio le nostre squadre si stanno migliorando, partendo da noi e guardando le altre sopra, c'è un migloramento verso l'alto.

Tempo di esecuzione: 0.082772016525269
Controller: Articoli
ID Pagina: 9274
Elemento caricato: Articolo #9274
Moduli: ORM, Mobile, Db, Router, Meta, CookieLaw, DefaultView
Template: articoli
Loading ID: e464a3e0b414bf69
View: DefaultView
Numero di query eseguite: 25
Numero di query preparate: 0
Lista tabelle interrogate:
/var/www/radiosei.it/public_html/func.php:124:
array (size=8)
  'articoli' => int 1
  'main_settings' => int 2
  'pagine' => int 2
  'spazi_pubblicitari' => int 5
  'pubblicita' => int 5
  'pubblicita_impressions' => int 4
  'categorie' => int 1
  'podcast' => int 1