Live Radio

Lazio, i desaparecidos che pesano sul bilancio

RASSEGNA STAMPA

ROMA Speriamo di vederli o rivederli presto, a meno che la loro assenza non sia una precisa scelta o un pretesto. Sedici milioni spesi per nemmeno 200' in campo. I nuovi acquisti Durmisi e Berisha a oggi pesano solo sul bilancio. E' costato 7,5 milioni, l'ex Betis. Prima dell'infortunio al gomito, lo ha utilizzato appena 168' Inzaghi. Il terzino danese avrebbe dovuto togliere il posto a Lulic o al massimo esserne la prima alternativa, invece adesso s'invoca il ritorno di Lukaku in settimana (tutta l'estate sul mercato) su quella fascia. A centrocampo invece, dopo due mesi ai box, quanto a grinta potrebbe essere Berisha il salvatore della patria: sinora appena 31' in campo, ma già 8,5 milioni a Salisburgo. Il rientro del kosovaro tra l'altro toglie ulteriore spazio, come se Murgia e Cataldi sinora non avessero già pagato dazio. Il primo, impiegato contro Limassol e Frosinone, conta 98'. E pensare che Inzaghi, lo scorso anno nelle prime otto giornate, gli aveva concesso 224' e 6 presenze, preferendolo proprio a Cataldi mandato al Benevento. L'allenatore De Zerbi se lo sarebbe portato al Sassuolo quest'estate, ma alla fine Danilo ha preferito rimanere. Il risultato? Appena due minuti finali di recupero alla prima giornata col Napoli e poi nessun'altra chance da mister Inzaghi: «Noi continuiamo a dare il massimo», scrive sui social.
MISTEROFa lo stesso il baby Rossi, reduce dal prestito alla Salernitana, nonostante sinora abbia visto solo panchina e tribuna. Con lui però il mister era stato chiaro a luglio: «Prima c'è Immobile, poi Caicedo». L'ex Primavera spera comunque di trovare in questi mesi uno spiraglio, altrimenti come Murgia (ieri titolare con l'Under21) e Cataldi si guarderà intorno a gennaio. La Lazio invece dovrà spiegare cosa sarà di Pedro Neto e Bruno Jordao (quest'ultimo intanto ha preso la patente di guida). Per loro nessuna apparizione nei big, nonostante un doppio prestito oneroso biennale costato già 11,5 milioni, come confermato dall'ultimo resoconto. Anche perché in teoria l'esborso non finirà qui. Il bilancio non rivela l'ultimo atto dell'operazione intavolata da Jorge Mendes per far risultare la plusvalenza da quasi 30 milioni di Keita al Monaco: col Braga pesa ancora il doppio obbligo di riscatto ad altri 14 milioni il 30 giugno 2019, per un totale di 26,5 milioni finale. In Portogallo O Jogo aveva svelato che tale obbligo era subordinato alla singolare «mancata retrocessione della Lazio in serie b per due stagioni», ma da Formello filtra invece che il riscatto sarebbe legato a un numero di presenze dei due baby lusitani ben determinato. Forse per questo non hanno mai giocato?

Tempo di esecuzione: 1.7409999370575
Controller: Articoli
ID Pagina: 6456
Elemento caricato: Articolo #6456
Moduli: ORM, Mobile, Db, Router, Meta, CookieLaw, DefaultView
Template: articoli
Loading ID: f25c19830ec0d76f
View: DefaultView
Numero di query eseguite: 25
Numero di query preparate: 0
Lista tabelle interrogate:
/var/www/radiosei.it/public_html/func.php:124:
array (size=8)
  'articoli' => int 1
  'main_settings' => int 2
  'pagine' => int 2
  'spazi_pubblicitari' => int 5
  'pubblicita' => int 5
  'pubblicita_impressions' => int 4
  'categorie' => int 1
  'podcast' => int 1