Live Radio

Da Caicedo a Bastos, c’è una Lazio ai saluti

CALCIOMERCATO

Valigia in mano, pronti a fare il giro dell'Europa. La Lazio si prepara ad affrontare la fase a gironi della Champions League e per farlo ha intenzione di cambiare look. In entrata sono tante le trattative in corso (Silva, Borja Majoral e Fares su tutti, ma anche Kumbulla e Muriqi), ma pure in uscita ci saranno diversi movimenti. Caicedo, che fra un mese compirà 32 anni, sta riflettendo sull'opportunità di andare all'Al Gharafa Sports Club, in Qatar. Potrebbe essere l'ultimo contratto della sua carriera e trasferendosi subito potrebbe riuscire a strappare perfino condizioni economiche migliori di quelle che ha a Roma (3 milioni di ingaggio fino al 2022). Sa che Inzaghi lo stima particolarmente e anche all'interno dello spogliatoio è molto ben visto, ma l'esperienza in Qatar lo attira parecchio. Ci ragionerà nelle prossime settimane.

GLI ALTRI - La Lazio, inoltre, vorrebbe cercare di piazzare Lukaku. L'esterno sinistro negli ultimi due campionati ha totalizzato appena 354 minuti. I problemi alle ginocchia lo hanno limitato oltremodo e anche alcuni comportamenti (a luglio ha saltato la partita con la Juventus per punizione, dopo esser arrivato tardi alla riunione tecnica) non piacciono alla società. Riuscire a venderlo non sarà facile (nel gennaio del 2019 non superò le visite mediche con il Newcastle), ma anche lui ha voglia di cambiare aria. Ormai corpo estraneo alla rosa, Bastos, che da tre anni di fila totalizza sempre un minutaggio inferiore rispetto alla stagione precedente, sta valutando offerte dalla Francia e dalla Turchia. Difficile incassare più di 6-7 milioni dalla sua cessione, ma comunque aiuterà a fare cassa.

GIOVANI E EX PRESTITI - Sono invece rientrati dai prestiti Badelj, Durmisi e Wallace. Il croato è in trattativa con la Lokomotiv Mosca, già nelle prossime ore potrebbe arrivare l'annuncio. Per Wallace la Lazio si affiderà al suo procuratore, Mendes, per trovare una sistemazione. Su Durmisi c'è invece il Brondby, club nel quale cominciò a giocare a soli 6 anni. Si cercano sistemazioni in prestito per i giovani Falbo e Armini (quest'ultimo gestito da Raiola, che sta spingendo affinché il suo assistito non resti a giocare con la Primavera). Anche loro hanno la valigia in mano, come tutti in casa Lazio. D'altronde, con la Champions League alle porte, i viaggi da fare saranno tanti. Gazzetta.it