Live Radio

Tutto sul campionato: come e quando riprenderà e l'ipotesi play-off a sei in caso di nuovo stop (prime due certe della Champions)

APPROFONDIMENTO

Repubblica.it


Quando ricomincia il campionato di Serie A?
La Lega di A vuole ripartire sabato 13 giugno. Il ministro Spadafora insiste per il 20. Il decreto in vigore vieta gli eventi sportivi fino al 14 giugno ma può essere modificato.
 
Quando si deciderà la data di ripresa?
Ne parleranno il ministro Spadafora, Figc e Lega in una riunione fissata per il prossimo 28 maggio.

Ogni quanti giorni si giocherà?
Ogni tre giorni. C'è tempo fino al 20 agosto, ma si punta a chiudere il 2 agosto. In 8 settimane, 13 finestre di Serie A (12 giornate più 4 recuperi) e 2 di Coppa Italia. Tre fasce orarie: 16:30, 18:45 e 21.
 
Chi è contrario alla ripresa?
Il governo ha ammorbidito la sua posizione. Ora sono i calciatori che protestano per il taglio stipendi.

Le partire saranno a porte chiuse?
Ovviamente sì. 300 persone ammesse, divise fra area tecnica, spalti, compound tv.
 
Ogni squadra giocherà le gare di casa nel proprio stadio?
Possibile giocare in campo neutro per evitare le zone rosse, se la situazione lo richiederà.
 
Se si riparte ma c'è uno stop, cosa accade? Si giocheranno i play-off?
Sì. È il piano B. La formula a cui lavora la Figc sono i play-off fra le prime sei.

Come funzionerebbero i play-off?
Le prime due in classifica accedono direttamente alla semifinale. I quarti di finale si giocano con la 3° contro la 6° e la 4° contro la 5°.
 
Se non ci sarà tempo di chiudere il campionato, come si decideranno le retrocessioni?
Con una formula di play-out simile a quella dei play-off per il titolo: le ultime 6 squadre della classifica chiamate ad affrontare un mini-torneo fra loro.

A centro classifica cosa succederebbe?
Le 8 squadre di centro classifica potrebbero sfidarsi per gli altri piazzamenti (il 7° posto può valere l'Europa League, gli altri danno una quota migliore di premi e diritti tv)
 
E se la A invece non riparte?
È l'ipotesi estrema. Si stilerà una classifica ponderata: un algoritmo calcolerà la media punti anche in base al valore delle squadre affrontate, per correggere le discrepanze del calendario. Difficile assegnare lo scudetto così.
 
Cosa cambierà nelle partite?
Sarà vietato avvicinarsi all'arbitro, si dovrà restare distanti 1,5 metri. Sanzioni severe per le proteste.

E prima e dopo la gara?
Ingressi separati con mascherine e percorsi diversi fra squadre e arbitri, senza i bambini in campo come mascotte. Dieci soli giornalisti in tribuna, interviste solo in tv con microfono direzionale. Nelle conferenze stampa le domande si raccoglieranno su WhatsApp.
 
Come si gestiranno gli spogliatoi?
Gli spazi saranno allargati, dove possibile, con la separazione consigliata tra titolari, riserve e portieri.
 
Il gioco cambierà?
Le sostituzioni saliranno a 5, ma sempre in tre momenti del match.